Farmaci

Quali FARMACI sono consentiti per la donazione, per quali è richiesto un tempo di attesa o di sospensione?

Anche le domande sui farmaci sono molto frequenti, quindi proviamo a rispondervi con ordine:

FANS, antinfiammatori e analgesici: in questa categoria rientrano farmaci molto conosciuti come Oki (Ketoprofene), Aulin (Nimesulide), Moment/Brufen/Nurofen (Ibuprofene), Voltadvance/Volfast/Voltaren (Diclofenac), Aspirina/Cardiospirina (ASA).
Bisogna attendere 5 giorni dall’ultima assunzione.

MUCOLITICI e FARMACI PER AEROSOL (fluimucil, lisomucil, mucosolvan): non controindicano la donazione, ma la loro assunzione è in genere legata ad una patologia respiratoria, ed è questo il motivo per cui, fino alla completa remissione dei sintomi, non è consentito donare.

CORTISONICI E ANTIBIOTICI assunti per via sistemica (orale, intramuscolo, venosa):
è necessario aspettare 15 giorni dall’ultima assunzione.

ANTIPERTENSIVI: in genere si raccomanda di non assumerli la mattina in cui si effettuerà la donazione. La valutazione dell’idoneità alla donazione dipende comunque dal grado di ipertensione, dal tipo e dalla quantità dei farmaci che vengono assunti, fattori che variano per ogni persona. Si consiglia di consultare un medico addetto alla selezione dei donatori per valutare il proprio caso.

TERAPIE ORMONALI: le terapie ormonali NON sono da interrompere, né quelle per la tiroide, né la pillola anticoncezionale. I pazienti in cura per la tiroidite di Hashimoto possono donare, purché con valori ormonali stabili e ben compensati.

ANTISTAMINICI: la presenza di sintomi allergici non consente la donazione , sarà possibile donare una volta risolta la sintomatologia allergica.

FARMACI ANTIEPILETTICI: chi è in cura con farmaci antiepilettici non può donare il sangue.
Coloro che in passato hanno sofferto di epilessia possono donare dopo 3 anni trascorsi senza sintomi in assenza di terapia.

GASTROPROTETTORI, STATINE, TERAPIE IPOCOLESTEROLEMIZZANTI E PER LA RIDUZIONE DEI TRIGLICERIDI: non è necessario sospenderli per donare. Attenzione però ai livelli di colesterolo e trigliceridi: qualora fossero molto alti è prevista la sospensione temporanea delle donazioni e l’esecuzione di un nuovo controllo prima di essere riammessi.

VACCINI: l’attesa è varia a seconda del vaccino effettuato:

  • 48 ore dal vaccino antinfluenzale e per tifo, colera, tetano, difterite, epatite A (alimentare);
  • 1 settimana da vaccino per epatite B e meningococco (di qualsiasi tipo);
  • 1 mese da vaccino per la rosolia, morbillo, vaiolo, parotite, tubercolosi;
  • Augurandoci di aver risolto i vostri dubbi, vi esortiamo a chiamare i nostri medici per ulteriori approfondimenti.